Benvenuti nel mio blog

Benvenuti nel mio blog

lunedì 20 febbraio 2012

Io e l'endometriosi


Eccomi quà. Di ritorno da questa avventura. Molti sono stati gli scalini in salita, e in mezzo a piccole amarezze e lacrime per sdrammatizzare gli eventi accaduti, sono quì, a raccontare quest'avventura. Questa fantastica avventura, fatta anch'essa d'amore,  se pur lastricata di sofferenza.
Come potrei rosicare la vita dopo tutto quello che mi è successo?
Ora la voglio vivere a pieno, cogliendo le opportunità che mi offre, che qualcuno lassù mi ha voluto offrire.
Raccontare tutta la storia sarebbe come rivivere il dolore. Ma cominciamo a parlare:
cos'è l'endometriosi?
L’endometriosi è una malattia spesso progressiva, dove alcune cellule della mucosa uterina s’impiantano al di fuori dell’utero. I focolai endometriosici si trovano soprattutto nel basso ventre (ovaie, intestino o vescica), più raramente in altri organi (cute, polmoni) dove vengono stimolati dagli ormoni che provocano il ciclo mestruale. Come la mucosa uterina – denominata en...dometrio – i focolai endometriosici ciclicamente crescono e sanguinano.
 La causa dello sviluppo dell’endometriosi, non è stata ancora chiarita. Emorragie mestruali prolungate o cicli abbreviati ne aumentano il rischio. Ma anche fattori genetici e sostanze inquinanti, come ad es. la diossina, aumentano la predisposizione all’endometriosi.
 Una delle cause nella formazione dell’endometriosi è la mestruazione retrograda, che vuol dire un flusso parziale del sangue mestruale attraverso le tube nella cavità addominale. Questo sangue contiene delle cellule vitali della mucosa uterina. Se cellule possiedono una resistenza particolare e la donna presenta una certa debolezza della difesa organica, possono sopravvivere nell’addome, aderire al peritoneo e perfino crescervi.
 I medici invitano tutte le Donne ad effettuare una visita ginecologica ogni sei mesi e il pap-test per la prevenzione dell'endometriosi. Ricordate: il pap-test e la colposcopia è GRATUITA!!!
Quando il medico mi ha detto di avere questa malattia l'unica risposta che gli ho saputo dire è stato: "Non lo so dottore... so solo che sto male".
L'endometriosi, arrivata all'ultimo stadio nel mio addome, mi ha reso invalida per sei mesi. E dire che per dodici anni ne ho sofferto e medici incompetenti mi hanno detto che era solo stress. Le continue emorragie, i dolori perenni, gli antibiotici cambiati ogni dieci giorni che provocavano sonnolenza e il continuo inspiegabile malessere, mi portavano ad uno stato morboso della malattia, di stanchezza.
Vorrei che dottori non trascurassero tutte le ipotesi di diagnosi possibili per noi donne.
Noi donne siamo il fulcro dell'umanità. Siamo le uniche creature che riescono a dare vita ad un altro essere umano. Perchè toglierci questa benedizione?
Eppure sono quì, ne parlo serenamente. Vorrei che voi capiate questo mio stato di malessere, che non so spiegare, che io stessa non so comprendere ancora.
Io non avrò mai un figlio, per via di questa malattia che riduce notevolmente il nostro dono della procreazione. Io non sognerò mai un bambino, mi è vietato farlo, mi è vietato apprendere quella curiosità e di farmi le stupide domande: sarà biondo, sarà bruno, assomiglierà al padre...? So già per certa che non posso illudermi a questa realtà.
Da un paio di mesi lavoro  per concretizzare un'idea che traducesse visivamente quello che noi donne con l'endometriosi proviamo.
Ho sempre creduto nella potenza delle immagini .
Cosi' ho raccolto sguardi sofferenti, corpi dolenti, frammenti e schegge di vita... Sensazioni e sentimenti degli occhi di molte donne ...
Donne travolte ogni giorno da doglie senza parto... Donne malate di Endometriosi.
Non dimentichero' mai quegli sguardi ,sguardi che violentano il cuore e l'anima...
La raccolta di foto si e' trasformata giorno dopo giorno quanto volevo esprimere e soprattutto il mondo di sentimenti che volevo far giungere a voi intatto nella sua essenza.
Il mio lavoro vuole essere una campagna di informazione affinche' attraverso una serie di messaggi diffusi dai mass-media si riesca a smuovere le coscienze di chi ha il potere, politico o di opinione .
In particolare uno strumento utile soprattutto per i nostri mariti e i nostri compagni che spesso, troppo spesso, a causa del nostro dolore, sono vittime inconsapevoli dell'endometriosi.
Lux

3 commenti:

  1. Piacere di conoscerti! Cercavo qualche cosa in più sull'endometriosi e ...
    ...anche io ne soffro e so che vuol dire!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara, nel mio blog racconto la Mia esperienza, spero ti sia d'aiuto. Ti auguro Che tutto vada bene. Prego per te

      Elimina
    2. Ho dedicato un link: io e l'endimetriosi. Lo trovi quí a fianco, in alto a destra, ne Le via delle mele. Sono Felice Che ti sei UNITA a me, spero di comunicare con te per darti aiuto. Buona fortuna

      Elimina